Cure generali del cane da caccia

Cure generali del cane da caccia
Please follow and like us:
Desideri altre notizie? Segui altri feed su follow.it
Seguici su Facebook0
TWITTER
Visit Us
Follow Me

Contattando il nostro veterinario di fiducia ci faremo guidare nella corretta profilassi vaccinale e antiparassitaria. Inoltre, alcune cure periodiche come la pulizia degli occhi o la pulizia delle orecchie risultano fondamentali per la prevenzione di patologie anche complesse. Vediamo insieme le principali cure da effettuare.

LA SVERMINAZIONE

Il controllo dei parassiti intestinali (ascaridi, cocchidi, tenie) è una profilassi importante, perché oltre a debilitare il cane, questi parassiti possono ridurre l’efficacia dei vaccini. La prima sverminazione viene di norma eseguita dopo venti giorni dalla nascita ed è bene che anche la mamma sia sottoposta al ciclo di vermifughi, questo perché proprio attraverso il latte materno che i cuccioli contraggono i vermi. Successivamente, con cadenza annuale, è bene sottoporre le feci del cane ad analisi microscopica per verificare la presenza o meno di parassiti. E’ importante che questo controllo sia fatto almeno una settimana prima della scadenza del vaccino per consentire, in caso di effettiva presenza di vermi, di effettuare il ciclo di sverminazione prima del richiamo vaccinale. Se avete più di un cane da caccia e bene effettuare il ciclo di sverminazione su tutti perché questi parassiti si possono trasmettere facilmente da un cane all’altro e talvolta anche all’uomo.

I VACCINI

I vaccini hanno l’importante compito di stimolare il sistema immunitario delle principali patologie per cui si segue una profilassi vaccinale e sono:

Cimurro, parvovirosi, epatite, lep-tospirosi e più raramente rabbia e patologie minori.

Come abbiamo visto il vaccino aumenta la produzione di anticorpi che proteggono il cane da patologie specifiche e di orma a cadenza annuale viene fatto un richiami vaccinale per mantenere alta la risposta del sistema immunitario e quindi la produzione di anticorpi. Recenti studi mostrano che per alcune patologie, in particolare cimurro e parvovirosi, il richiamo annuale non è indispensabile perché i comuni vaccini garantirebbero una protezione superiore a 3 anni. Per la leptospirosi, invece, è bene effettuare il richiami ogni sei mesi. Questo vaccino è estremamente importante per i cani da caccia perché tale patologia è provocata da batteri chiamati “leptospire”, diffusi tramite le urine infette di topi che possono contaminare le acque di canali e ruscelli con cui i nostri compagni di caccia entrano costantemente a contatto

a cura della Redazione n. 92/2019

Please follow and like us:
Desideri altre notizie? Segui altri feed su follow.it
Seguici su Facebook0
TWITTER
Visit Us
Follow Me

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Desideri altre notizie? Segui altri Feed su Follow, iscriviti e seguici sui Social...!!!

Desideri altre notizie? Segui altri feed su follow.it
TWITTER
Visit Us
Follow Me