Domanda: La Caccia ci rende umani?

Tradizioni di caccia in Europa, lo stile di vita dei cacciatori

Sona Supeková – è vice presidente della Facoltà di Economia e Commercio dell’Università Paneuropea di Bratislava, Repubblica Slovacca. I suoi scritti si sono concentrati sulle tradizioni di caccia, sulla storia delle donne cacciatrici e sui rapporti dei cacciatori con la fauna selvatica e con la natura nelle antiche tradizioni venatorie europee. È fondatrice e presidente del Club of Slovak Lady Hunters, fondato nel 2010.

Dalla leggenda di Sant’Uberto, patrono dei cacciatori: “la fauna selvatica non deve essere solo cacciata, ma altrettanto importante è la conservazione e la comprensione dell’importanza della fauna selvatica nella natura e, su questa base, il contenimento della propria passione”.

Sono un cacciatore. Sono cresciuto in una famiglia di cacciatori. La maggior parte della mia infanzia è stata trascorsa nella foresta con mio nonno e mio padre, le persone più importanti della mia vita di cacciatore. Mi hanno insegnato come comportarmi in natura e rispettare la fauna selvatica, e quanto siano importanti le antiche tradizioni di caccia per tutti noi.

La caccia è una parte inseparabile della vita ed è stata fin dagli albori dell’umanità; ha, ad esempio, aiutato lo sviluppo e il progresso umano. La caccia e tutte le attività ad essa associate sono fenomeni interculturali molto importanti, non solo in Europa ma in tutto il mondo.

Come si è sviluppata la caccia e le tradizioni associate in Europa? La comunità di cacciatori nella maggior parte dei paesi europei considera la caccia non solo un hobby, ma anche uno stile di vita e una missione. Per la maggior parte di loro, non si tratta solo della gioia della preda, dell’uccisione o dei trofei; si tratta dell’onore di essere cacciatori. È un onore appartenere a un gruppo di persone legate alla natura e alle sue risorse. C’è una risposta semplice alla domanda “La caccia ci rende umani”? No, ma la risposta può essere trovata nelle tradizioni venatorie europee e nel modo di vivere che i cacciatori conducono.

I cacciatori in Europa e in tutto il mondo lottano quotidianamente con i media e soprattutto con molti non cacciatori, in particolare sul fatto che il loro hobby e lo stile di procurarsi il cibo siano eticamente e socialmente accettabili. Allora, cosa c’è di più umano: a) cacciare il cervo nei boschi in modo tale che non si senta minacciato prima dello sparo, oppure b) allevare animali esclusivamente per la carne e in condizioni spesso spaventose? Questa è una domanda che ci poniamo quotidianamente a noi cacciatori di coloro che pretendono di essere guardiani della natura e degli animali. Molti di loro non hanno idea di quale sia il ruolo dei cacciatori nella foresta e quali compiti devono svolgere nelle aree di caccia durante tutto l’anno per essere cacciatori. Sono per lo più i cacciatori a chiedere la protezione delle specie in via di estinzione, e allo stesso modo spesso sono loro a meritare credito per la conservazione della fauna selvatica.

Regione selvaggia della Slovacchia

Un esempio di questo è nel mio paese d’origine, la Slovacchia, dove, dopo due guerre mondiali, lo stato della fauna selvatica era allarmante. A quel tempo non c’erano ambientalisti e il merito dell’aumento delle popolazioni di selvaggina andava ai cacciatori, che erano già un gruppo ben organizzato. Grazie al loro eccellente monitoraggio e alla gestione sostenibile della fauna selvatica, è stato possibile per i cacciatori fermare la diminuzione delle popolazioni di selvaggina e, di fatto, aumentarne il numero.

L’urbanizzazione esercita una forte pressione sull’intera area dell’Europa centrale. La fauna selvatica qui è sotto costante stress a causa dell’aumento della popolazione umana e dell’espansione delle industrie e delle infrastrutture. In tutta la zona sono presenti solo pochi piccoli tratti di natura incontaminata. Oggi, quindi, la gestione sostenibile della caccia è così importante e il rispetto delle tradizioni venatorie costituisce un legame tra i cacciatori e il paesaggio. Questo legame è preservato attraverso i rituali e le tradizioni legate alla caccia.

La conservazione delle antiche tradizioni venatorie inizia con quella che è conosciuta come la “comunione”. Questa comunione è la prima di tutte le promesse morali ed etiche dei cacciatori di comportarsi, nel massimo rispetto, nei confronti della fauna e della natura. La base delle tradizioni e dei rituali venatori europei è il rispetto nei confronti della fauna selvatica e della selvaggina che viene catturata. Questo “rispetto” è una parte importante della vita del cacciatore durante tutto l’anno, non solo durante la stagione venatoria. I cacciatori manifestano questo rispetto in molti luoghi e modi: nella natura, nella foresta, attraverso la caccia, nelle occasioni sociali e anche nella loro vita personale. L’uso sostenibile della fauna selvatica e la gestione sostenibile della caccia avvengono nella maggior parte dei paesi europei. I cervi allo stato brado sentono lo stress della civiltà. I cacciatori in Europa sono tra i migliori in grado di alleviare le pressioni che vengono esercitate sulla fauna selvatica. La ricompensa per i cacciatori è l’opportunità di trascorrere del tempo nella natura e di cacciare. A loro volta, i cacciatori mostrano anche il dovuto rispetto per la selvaggina.

Cacciatori slovacchi che suonano un tradizionale corno da caccia

Anche l’abbigliamento indossato dai cacciatori europei durante la caccia è importante. Anche gli abiti usati per lavorare in natura sono sempre verdi. Per la caccia in battuta, i cacciatori sono spesso vestiti in uniforme ed è considerato scortese venire con stivali sporchi o arrivare in ritardo. Le cacce guidate offrono l’opportunità di incontri amichevoli, con tutte le attività annunciate da suonatori di clacson e altri segnali di caccia. Dopo una caccia, sia individuale che in battuta, i cacciatori rendono omaggio alla selvaggina presa. Durante la cerimonia di chiusura – il carniere – il gioco viene adagiato, con il lato destro rivolto verso terra, in un rettangolo delimitato da rami di pino. Ci sono incendi a ciascuno dei quattro angoli. Con questa presentazione, i cacciatori salutano il gioco e mostrano il loro apprezzamento per la natura. Ogni animale abbattuto ha un piccolo ramo il più delle volte da un pino, nella sua bocca che rappresenta il suo ultimo morso. Nel prelevare la selvaggina dal luogo in cui è stata catturata, i cacciatori puntano la testa dell’animale verso l’area naturale in modo che per l’ultima volta possa guardare il luogo in cui viveva.

I cacciatori giravano intorno alla loro preda contando il loro carniere.

Al giorno d’oggi le donne svolgono un ruolo molto importante nella caccia europea. In passato, le donne partecipavano principalmente alle attività che seguivano la caccia. Nei paesi dell’ex Austro-Ungheria, le donne partecipavano alle attività sociali della caccia. Nel XIX e all’inizio del XX secolo la caccia in Europa conobbe un definitivo sviluppo, e la cosiddetta “caccia esclusiva” si trasformò in un’attività professionale incentrata sull’allevamento e sulla cura di qualità e completa della selvaggina.

Oggi, poiché sempre più donne lavorano in posizioni e scelgono hobby che in precedenza erano dominati dagli uomini, il numero di cacciatrici attive è in costante crescita. In Austria, ad esempio, ci sono più di 11.000 cacciatrici registrate. La caccia è tradizionalmente diffusa nelle zone rurali e le donne in Austria cacciano e partecipano sempre più alla vita di caccia pubblica. Cresce ogni anno anche il numero di cacciatrici iscritte nei paesi dell’Europa orientale, sebbene le loro attività siano legate ad eventi organizzati principalmente da uomini. Anche i paesi nordici sono famosi per il loro alto numero di cacciatori pro capite. Ad esempio, ci sono più di 15.000 cacciatrici registrate in Svezia.

I cacciatori in piedi davanti a una fila di cinghiali hanno sparato

Le donne occupano anche un posto importante nella falconeria e nella cinologia della caccia, se la cavano bene nelle competizioni e prestano servizio come giudici di vari eventi canini e mostre sul campo.

Inoltre, le donne sono attive in molti ambiti legati alla caccia: istruzione, lavoro con i bambini e con i giovani, tiro a segno e moda. Nei paesi dell’Europa centrale e orientale, le donne organizzano regolarmente workshop, a cui sono invitati uomini e donne, incentrati sulla lavorazione e sulla cottura della selvaggina. Si scambiano ricette e ospitano gare culinarie. Le donne aiutano a trasmettere l’eleganza della caccia e ispirano gli uomini a prendersi più cura dei loro indumenti e delle loro uniformi. Alcune giovani donne diventano cacciatrici anche senza tale tradizione familiare, spesso grazie ai loro partner.

Quando si parla di tradizioni venatorie, una delle più importanti organizzazioni di caccia sostenibile, con sede in Europa, è l’International Council for Game and Wildlife Conservation (CIC). Il CIC è un organo consultivo politicamente indipendente che mira a preservare la fauna selvatica attraverso una caccia sostenibile. Il CIC sostiene l’uso sostenibile delle risorse della fauna selvatica e promuove, su scala globale, la caccia sostenibile come strumento di conservazione, basandosi su tradizioni apprezzate. articolo

Lascia un commento