Per il biologo Marcel Züger il lupo diventerà pericoloso per i bambini

13 luglio 2022 – articolo

Biologo diplomato all’ETH di Zurigo, inizialmente grande difensore del ritorno del lupo, Marcel Züger fa un’osservazione schiacciante sul ritorno della presenza del lupo in Europa. Ha confidato che 25 anni fa era convinto che ai lupi doveva essere permesso di tornare nei loro territori precedenti. “Quando nel 2012 sono nati i primi Cubs ero molto felice. All’epoca credevo nel modo in cui ci venivano presentate le loro reintroduzioni. Ma attraverso tutte le osservazioni fatte sul campo e la situazione attuale, posso attestare che la descrizione che ci è stata data è molto diversa da ciò che sta effettivamente accadendo sul campo. I problemi davanti a noi saranno enormi.Il lupo ci era stato presentato come un animale che temeva l’uomo, che questi svolgesse attività prevalentemente notturne e che un semplice recinto o la presenza di cani da guardia li avrebbe fermati. Oggi sappiamo che i lupi sono capaci di imparare e hanno una grande capacità di adattamento. Imparano ad aggirare le misure di protezione più sofisticate. Quando si rendono conto che gli esseri umani non rappresentano un pericolo, i lupi diventano sempre più audaci nel testare i limiti e quando questi non se ne accorgono continuano a spingere più forte per andare oltre. È vero che per secoli, mentre erano cacciati, i lupi hanno temuto gli uomini. Oggi il mondo appartiene ai lupi perché si sono resi conto che non hanno nulla da temere dagli umani e stanno diventando più audaci. Per loro il nostro mondo è come un self-service senza registratore di cassa. Il prossimo passo è prevedibile avverte il Biologo. “Se i lupi capiranno che possono andare anche oltre, diventeranno un vero pericolo per la popolazione e soprattutto per i bambini. »Per Marcel Züger, ai lupi dovrebbe essere impedito di formare branchi. “Il lupo ha bisogno di due cose essenziali: cibo a sufficienza e un rifugio tranquillo per partorire e allevarlo in sicurezza. I lupi trovano cibo molto facilmente quasi ovunque in Europa. Opportunistico, mangeranno le prime prede che rilevano, siano roditori, volpi, animali da fattoria come pecore, capre, giovani bovini, cavalli, puledri, asini, nonché cani e gatti. Più i lupi si abitueranno agli umani, più si stabiliranno nelle loro immediate vicinanze. La diffusione dei lupi è rapida con un tasso di crescita del 30-40% annuo, ovvero una popolazione che raddoppia ogni 2-3 anni. Dal lato della predazione, sempre più lupi stanno ostacolando le misure di protezione. Un lupo affamato troverà sempre un modo per soddisfare il suo appetito. Adattarsi a tutte le situazioni è un comportamento innato per i lupi. Ognuno di loro ha il potenziale per diventare lupi problematici. Senza una seria gestione della popolazione, i lupi si evolveranno in comportamenti pericolosi, ha avvertito Marcel Züger. “La politica europea sulla protezione dei lupi equivale alla propagazione della specie. I lupi vengono uccisi solo in casi eccezionali molto rari. Una situazione che porta a misure di protezione sempre più complesse finanziate dall’Europa con milioni di euro. Sarebbe un’illusione pensare che qualunque misura protettiva, per quanto complessa possa essere, farà allontanare i lupi dalle loro prede. »Verrà il giorno in cui l’Unione Europea dovrà riconsiderare la sua politica dei grandi predatori. Di Baldovino di Saint-Leger

Lascia un commento